Logo 2-2 DX

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 39 0736.336402
  • 39 0734.229248

Natascia Troli webL'Assemblea ha eletto anche la nuova Giunta Esecutiva


L'assemblea della Confartigianato Imprese delle province di Ascoli Piceno Fermo eletto nel corso una partecipata riunione ha eletto i nuovi vertici dell'associazione. Oltre duecento i voti, tra artigiani presenti e deleghe alla presenza del presidente regionale Salvatore Fortuna e il segretario Giorgio Cippitelli.

Un’assemblea anche molto propositiva, che è giunta al voto consapevole dell’importanza del momento storico che gli artigiani stanno vivendo, la cui attività è ancora segnata dalla crisi. La riunione è stata aperta dal presidente uscente Nadia Beani che ha tracciato un resoconto dell'attività svolta nel corso del suo mandato.

Poi i soci sono stati chiamati ad esprimere il proprio voto e all'unanimità stata eletta quale nuova presidente della struttura Natascia Troli di Ascoli Piceno, mentre la presidente uscente, Nadia Beani, sempre per acclamazione, è stata eletta presidente onoraria. Vice presidenti sono stati eletti Luigi Tempera di Ascoli Piceno, vicario e Luca Soricetti di Fermo.

Della nuova giunta fanno parte anche Luca Torresi, Rossano Trobbiani, Graziano Di Battista, presidente di Unioncamere che non ha fatto mancare il suo saluto in apertura dei lavori e Giovanni Mancini. L'assemblea ha anche rinnocato il collegio dei revisori dei conti e dei probiviri. Nel corso del dibattito che c’è stato prima del voto, si è accennato al lavoro che Confartigianato sta portando avanti da tempo per arrivare all’associazione unica regionale, sulla scorta di ciò che sta accadendo per altri enti e istituzioni.

Ad Ascoli Piceno e Fermo saranno mantenuti i presidi e gli uffici cosiddetti periferici, con personale qualificato per soddisfare tutte le esigenze delle imprese associate. Un passaggio necessario per razionalizzare i costi ed allo stesso tempo continuare a garantire tutti i servizi, attraverso la nuova società regionale che si propone, in un’ottica di sviluppo, di coinvolgere tutte le professionalità locali interessate, al fine di creare un soggetto che si imponga a livello regionale quale realtà unitaria e punto di riferimento per le imprese associate.