Logo 2-2 DX

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 39 0736.336402
  • 39 0734.229248

Il canone RAI non è dovuto se si possiede soltanto il computer: a questa conclusione, che appare ovvia ma non scontata, si è giunti dopo lo scampato pericolo dai bollettini che la RAI ha spedito alle imprese anche semplicemente in possesso di computer in quanto “atti od adattabili alla ricezione delle trasmissioni televisive”, quindi in quanto possessori di apparecchi normalmente non finalizzati alla ricezione di programmi televisivi. Il primo risultato è che nulla è dovuto su pc, smartphone e tablet aziendali.

Leggi tutto...

Sono aperte le iscrizioni al Registro nazionale delle imprese storiche, iniziativa avviata nel 2011 da Unioncamere in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, per incoraggiare e premiare quelle imprese che nel tempo hanno trasmesso alle generazioni successive un patrimonio di esperienze e valori imprenditoriali.

Leggi tutto...

Si informa che il Decreto Legge n. 5/2012, recante “Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo”, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 33 del 9 febbraio 2012 ed è entrato in vigore il giorno successivo a quello di pubblicazione.

Il decreto introduce, in particolare, rilevanti novità in materia di assunzione di lavoratori extra UE e di Libro Unico del Lavoro.

Leggi tutto...

Riportiamo le prossime scadenze fiscali:

  • 29/02/2012 la scadenza dei bolli sugli autocarri con scadenza bollo a gennaio 2012
  • ogni 16 del mese scadono i contributi che i datori di lavoro devono pagare per i dipendenti. Ricordiamo altresì la possibilità di iscrivere la propria impresa a Fondartigianato, senza aggravio di costi.
  • 16 maggio 2012  Inps, pagamento dei contributi fissi artigiani

La Regione Marche promuove una tessera multiservizi individuale, la Marche Card, che permette al turista di avere agevolazioni e sconti presso tutti gli esercizi commerciali, outlet e produttori locali che aderiscono al progetto.
Le aziende interessate saranno vagliate dal Comitato Tecnico Scientifico composto dalla Regione Marche, dalle Asscoiazioni di Categoria e dal Centro Servizi e la promozione ed il lancio verranno promossa all'interno della Bit 2012.

Leggi tutto...

Come è noto la totalità del territorio marchigiano  è stata colpita nei giorni scorsi da condizioni meteorologiche particolarmente avverse sia per l'intensità che per l'estensione  delle precipitazioni nevose che in alcuni casi hanno provocato danni  gravissimi a strutture di stabilimenti produttivi.

Il cedimento di tetti  di costruzioni o loro parti, il danneggiamento di  macchinari e attrezzature indispensabili all’attività produttiva, potrebbero provocare la una sospensione temporanea del lavoro che potrebbe non riprendere prima di alcuni mesi.

Al riguardo, per consentire la ricostruzione delle aziende colpite o parti di esse e sostenere nel   contempo il reddito dei lavoratori , si ricorda che  le aziende industriali con più di 15 dipendenti possono attivare lo strumento della CIGS  con causale crisi aziendale per  evento improvviso ed imprevisto esterno alla gestione aziendale. (art. 1 c.5 legge 223/91 e DM 18/12/2002).

Le altre tipologie di aziende non rientranti nel campo di applicazione della GIGS possono utilizzare la CIG in deroga  secondo quanto previsto dall’intesa del 25 gennaio 2012 , (max 1038 ore/lavoratore) motivando – nel verbale di accordo sindacale -  la crisi con gli eventi  metereologici eccezionali avvenuti nel mesi di febbraio 2012 che hanno impedito la prosecuzione dell’attività in quanto hanno provocato danni strutturali che devono essere esplicitati  nel citato verbale di accordo sindacale.

Rimangono confermate le modalità di presentazione dell’istanza nonché  i termini di presentazione. 

La presente comunicazione  va tenuta distinta dall’avviso del 09/02/2012 che ha portata generale e riguarda disagi limitati nel tempo.

Con la DGR n. 45/12 la Regione Marche ha approvato una nuova versione del disciplinare di produzione di "Filiera cereali"per le produzioni a marchio "QM, Qualità garantita delle Marche".
Rispetto alla prima versione della  DGR 112/09 la certificazione si estende ad altri prodotti trasformati, della panetteria, della biscotteria, della pasticceria, paste alimentari ecc... 
Il marchio Qm si applica a prodotti agroalimentari individualti dalla Regione Marche ed ai servizi correlati ed è concesso in uso ai produttori appartenenti all'Unione Europea, attraverso l'adesione volontaria a specifiche norme di produzione. Queste norme mirano ad un idoneo livello qualitativo di tutto il processo produttivo, anche attraverso lo stoccaggio differenziato per partite omogenne e alla completa rintracciabilità.
 
In allegato il testo integrale della DGR 45/12.
 

Il decreto legge n. 5 del 2012 recante “Disposizioni urgenti in materia di semplificazioni e di sviluppo” (Semplifica Italia, approvato da ultimo dal Consiglio dei Ministri dello scorso 3 febbraio), è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 9 febbraio ed è entrato in vigore il giorno successivo alla pubblicazione.
Il provvedimento – composto da due Titoli (uno in materia di semplificazioni e l’altro di sviluppo) – vuole cogliere l’obiettivo di ridurre i costi della burocrazia che risultano maggiormente gravosi per i cittadini e per le imprese. In tale contesto, l’intenzione del Governo è quella di sgravare le imprese da oneri amministrativi consentendo, quindi, di liberare risorse per la crescita e lo sviluppo imprenditoriale.

Leggi tutto...

----------------------------------

Aggiornamento! 

INVIARE LE SEGNALAZIONI ENTRO IL 28/02/2012 AL PROPRIO COMUNE UTILIZZANDO IL docModulo_denuncia_Danni_Comune.

----------------------------------

A seguito delle eccezionali nevicate verificatesi nelle ultime settimane,   le Associazioni datoriali fin da mercoledì 8 febbraio u.s. hanno chiesto lo slittamento dei termini di pagamento dei contributi INPS ed Inail o, in subordine ,la non applicazione delle sanzioni pecuniarie amministrative per i pagamenti effettuati in ritardo dalle imprese per sé e per i loro dipendenti.
Inoltre  venerdì 10 febbraio è stato chiesto   sia ad ABI Marche che alla Regione (di favorire per quanto nelle sue possibilità) di attuare una moratoria su tutte le scadenze di mutui, leasing, operazioni a breve di varia natura , tra i due-tre ed i sei mesi. 

Inoltre anche in base ad alcune segnalazioni di danni alle strutture degli opifici,  dei macchinari e delle scorte, abbiamo provveduto ad informare la Regione della gravità e della pervasività diffusa dei danni derivanti dal maltempo e dopo  un  incontro in regione ci è stata consegnata una scheda, allegata,  in base alla quale definire e riassumere i danni subiti dalle imprese, attraverso la rilevazione che sarà posta in essere sia dalle Associazioni provinciali che dagli Enti Locali. 

Inoltre si comunico che l’Assessore Marco Luchetti  ha  diffuso  una comunicazione riguardante la Cassa integrazione in deroga  e che  il Presidente Spacca  ha chiesto ufficialmente, al Presidente del Consiglio Monti, la sospensione  dei termini fiscali e previdenziali.
Questa la dichiarazione di Lucchetti:
“CIG IN DEROGA    PER  EVENTI  ATMOSFERICI   AVVERSI – Febbraio 2012 -
A seguito delle numerose richieste pervenute, l’Assessore Regionale Marco Luchetti, dopo aver sentito le parti sociali, ha  ritenuto ammissibile la richiesta di CIG in deroga con causale crisi aziendale derivante dagli eventi atmosferici avvenuti nel mese di febbraio 2012 che hanno provocato forti disagi ai lavoratori e alle aziende del territorio marchigiano.
Pertanto la CIG in deroga verrà riconosciuta alle aziende – prive di strumenti ordinari di sostegno al reddito- per il periodo massimo di una settimana/lavoratore ( 40 ore  ). 
Le 40 ore  CIG verranno conteggiate all’interno del massimale orario previsto dall’intesa del 25 gennaio 2012 (1038 ore ).
La sospensione  dovrà avvenire nel mese di febbraio 2012 e la causale specifica  riportata nel verbale di accordo sindacale.
Rimangono confermate tutte le procedure on line di inoltro dell’istanza nonché i termini di scadenza. L’invio telematico di tali richieste consentirà di indicare la particolare causale mediante un flag apposito.”

Riassumendo:

- allo stato e per quanto possibile la scheda di rilevazione va compilata ed aggiornata sulla base di dichiarazioni realistiche naturalmente, e accompagnate da fotografie dell’accaduto (su strutture, solai, tetti, coperture, macchinari e merci  comunque presenti ed in disponibilità dell’impresa ,dentro o fuori il fabbricato); ove possibile subito, diversamente appena possibile una dichiarazione a cura del titolare da conservare nella sua impresa, possibilmente sottoscritta da VV. UU. o personale di uffici tecnici comunali o altra autorità pubblica se intervenuta, magari protezione civile, e per confermare foto e dichiarazione. E’ da ipotizzare anche l’eventualità di far  redigere perizie stragiudiziali;
-allo stato per  la sospensione dei pagamenti in essere (INPS, INAIL, Agenzia delle Entrate) ma non vi sono certezze sull’esito, stante il pagamento tra 1  giorno, il 16 febbraio;
- la richiesta fatta ad ABI Marche e Regione Marche di attuare una moratoria è allo studio ma sembra stiano attendendo un orientamento di ABI nazionale ed una decisione della Conferenza Stato - Regioni, presieduta dal Presidente della  Emilia Romagna;
- le schede  compilate dovranno essere  presentate alle Associazioni Provinciali, che le inoltrerà alla  sede regionale entro i primissimi giorni della settimana prossima,  anche al fine di comprendere l’entità complessiva, ancorché ancora stima indicativa, dei danni reali e con la  specifica del lucro cessante e del fermo attività.

Comunicazione dell'Assessore Regionale Sara Giannini:

"La scheda che abbiamo inviato è per avere una prima ricognizione, ancorché approssimata e integrabile nel tempo, sull’ammontare complessivo  dei danni subiti dall’apparato produttivo. 

La indicazione della sospensione dell’attività è finalizzata ad un prima quantificazione di ricorso alla CIG e CIG in deroga. 

Le imprese devono indicare i danni materiali subiti : si raccomanda di sollecitare alle imprese di dotarsi di tutte le documentazioni utili a comprovare il danno: raccolta documentazione fotografica dei danni materiali subiti (possibilmente con data e ora), raccolta documentazioni amministrative utilizzabili come “pezze d’appoggio”, asseverazione pubblica (laddove possibile di un pubblico ufficiale) o eventualmente anche perizia giurata. Relativamente alla quantificazione questa può essere indicata ove e se possibile, come pure il lucro cessante .

Il riferimento è ovviamente per le attività che hanno un  insediamento produttivo nel territorio comunale. 

E’ bene ricordare che le indicazioni raccolte servono al solo fine di monitoraggio e non costituiscono alcuna forma di richiesta di intervento pubblico. Eventuali misure saranno concordate con le associazioni di categoria.


Sara Giannini"

xlsModulo_Raccolta_Dati.xls

 

DALLA PREFETTURA DI ASCOLI PICENO RICEVIAMO E DIFFONDIAMO:

In esito a quanto emerso nella riunione tenutasi in data odierna (06/02/2012 NdR) presso la Sala Operativa Integrata di Protezione Civile della Provincia di Ascoli Piceno ed alla luce delle previsioni meteo per le prossime 24-36 ore, si segnala... la problematica inerente il rischio dovuto a sovraccarichi di neve gravanti sulle coperture di opifici industriali, artigianali e del settore agricolo.

Quanto sopra ai fini di debite segnalazioni... a scopo precauzionale.

Particolari necessità potranno essere segnalate alla SOI  (Sala Operativa Integrata) provinciale ai numeri:

TEL. 0736.277848

FAX. 0736.277778 

Causa neve, gli uffici della Confartigianato, da lunedì 06 a venerdì 10 febbraio 2012 osserveranno il seguente orario continuato:

dalle 9.00 alle 17.00

Info: 0736.336402 

E’ prorogato al 1° marzo 2012 il termine entro cui inviare la comunicazione relativa alla conservazione sostitutiva.
L'Agenzia delle entrate, con un proprio comunicato stampa, ha disposto la proroga al 1° marzo 2012 del termine per l'invio della comunicazione telematica dell'impronta dell'archivio informatico dei documenti rilevanti ai fini tributari oggetto di conservazione sostitutiva (le disposizioni attuative sono state approvate con il provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 25 ottobre 2011). 
La proroga si è resa necessaria a seguito delle numerose segnalazioni, effettuate anche dalla Confederazione, pervenute all'Agenzia delle Entrate che sottolineavano alcune difficoltà nel rispettare il termine di invio previsto per le comunicazioni relative alle annualità 2010 e pregresse, dovute al vincolo della procedura di acquisizione che consente la trasmissione di file multipli in maniera limitata.

Con il decreto legge n. 1, del 24 gennaio 2012 (pubblicato nel Supplemento Ordinario n. 18 alla Gazzetta ufficiale n. 19 del 24 gennaio 2012), sono state introdotte ulteriori novità in ambito fiscale e nel comparto credito.

Il “decreto liberalizzazioni”, entrato in vigore il 24 gennaio u.s., contiene alcune importanti disposizioni inambito fiscale.
In particolare, si segnalano:

  • la possibilità, per i giovani di età non superiore a 35 anni, di costituire società a responsabilità limitata in forma semplificata (con scrittura privata e con capitale sociale non inferiore ad un euro);
  • la facoltà, per i Comuni, di riconoscere l’applicazione di una aliquota IMU di base ridotta per i fabbricati, posseduti da imprese edilizie, rimasti invenduti;
  • un ampliamento dei casi in cui locazioni e cessioni di fabbricati abitativi sono imponibili ai fini IVA;
  • una accelerazione nel recupero dell’accisa pagata dagli autotrasportatori, tramite la presentazione di istanze trimestrali;
  • la possibilità per il cedente/prestatore di effettuare la rivalsa dell’IVA nei confronti del cessionario committente in caso di accertamento

Di seguito riportiamo le disposizioni che riguardano il Credito. In allegato trovate gli articoli del decreto legge.

Commissioni interbancarie sulle transazioni effettuate con carte di pagamento

(art. 27, comma 1, lett. b) e c))

Vengono inserite due nuove disposizioni che modificano l’art. 12, commi 9 e 10, del precedente decreto “Salva Italia” (legge 214/2011):

  • L'Associazione bancaria italiana, le associazioni dei prestatori di servizi di pagamento, la società Poste italiane S.p.a., il Consorzio Bancomat, le imprese che gestiscono circuiti di pagamento e le associazioni delle imprese maggiormente significative a livello nazionale definiscono, entro il 1° giugno 2012, e applicano entro i tre mesi successivi, le regole generali per assicurare una  riduzione delle commissioni interbancarie a carico degli esercenti in relazione alle transazioni effettuate mediante carte di pagamento, tenuto conto della necessità di assicurare trasparenza e chiarezza dei costi, nonché di promuovere l'efficienza economica nel rispetto delle regole di concorrenza.
  • Entro i sei mesi successivi all'applicazione delle misure di cui  al comma precedente, il Ministero dell'economia e delle finanze, di concerto con il Ministero dello sviluppo economico, sentite la Banca d'Italia e l’Autorità garante della concorrenza e del mercato, valuta l'efficacia delle misure definite. In caso di mancata definizione e applicazione delle misure di cui al comma precedente, le stesse sono fissate con decreto del Ministero dell'economia e delle finanze, di concerto con il Ministero dello sviluppo economico, sentita la Banca d'Italia e l’Autorità garante della concorrenza e del mercato.

Remunerazione Affidamenti e Sconfinamenti

(art. 27, commi 2 e 3)

La nuova norma stabilisce che i contratti di apertura di credito e di conto corrente in corso devono essere adeguati entro novanta giorni alle disposizioni relative alla remunerazione degli affidamenti e degli sconfinamenti contenute nel decreto “Salva Italia” (legge 214/2011).

Le disposizioni del decreto “Salva Italia” sul tema, sono le seguenti (art. 6 bis, legge 214/2011):

  • I contratti di apertura di credito possono prevedere, quali unici oneri a carico del cliente, una commissione onnicomprensiva, calcolata in maniera proporzionale rispetto alla somma messa a disposizione del cliente e alla durata dell’affidamento, e un tasso di interesse debitore sulle somme prelevate. L’ammontare della commissione non può superare lo 0,5 per cento, per trimestre, della somma messa a disposizione del cliente.
  • A fronte di sconfinamenti in assenza di affidamento ovvero oltre il limite del fido, i contratti di conto corrente e di apertura di credito possono prevedere, quali unici oneri a carico del cliente, una commissione di istruttoria veloce determinata in misura fissa, espressa in valore assoluto, commisurata ai costi e un tasso di interesse debitore sull’ammontare dello sconfinamento.
  • Le clausole che prevedono oneri diversi o non conformi rispetto a quanto stabilito nei commi 1 e 2 sono nulle. La nullità della clausola non comporta la nullità del contratto.
  • Il CICR adotta disposizioni applicative del presente articolo e può prevedere che esso si applichi ad altri contratti per i quali si pongano analoghe esigenze di tutela del cliente; il CICR prevede i casi in cui, in relazione all’entità e alla durata dello sconfinamento, non sia dovuta la commissione di istruttoria veloce di cui al comma 2.
La normativa che precedentemente regolava le commissioni di massimo scoperto (art. 2-bis legge 2/2009) viene abrogata.

Assicurazioni connesse all’erogazione di mutui immobiliari

(art. 28)

Le banche, gli istituti di credito e gli intermediari finanziari se condizionano l'erogazione del mutuo alla stipula di un contratto di assicurazione sulla vita sono tenuti a sottoporre al cliente almeno due preventivi di due differenti gruppi assicurativi.

Estensione ai liberi professionisti della possibilità di partecipare al patrimonio dei confidi

(art. 10)

La disposizione è finalizzata ad integrare il comma 7 dell’art. 39 del DL n. 201/2011 (decreto Salva Italia – legge 214/2011), che prevede che al capitale sociale dei confidi e delle banche possano partecipare imprese non finanziarie di grandi dimensioni, con la previsione della possibilità anche per i liberi professionisti di poter partecipare al capitale sociale con i medesimi limiti societari previsti per i predetti enti.
 
 
 
Il 31 gennaio 2012 scade il termine per il versamento, mediante il modello "F24 Versamenti con elementi identificativi", dell'addizionale dovuta per il 2011 in relazione ai veicoli: 
• con potenza superiore a 225 chilowatt (ossia 306 CV); 
• immatricolati nel periodo compreso tra il 7 luglio 2011 e il 31 dicembre 2011, ovvero acquistati dal 7 luglio 2011 e successivamente rivenduti nel corso del 2011.
Leggi tutto...

Si rinnova l'ASSEGNO DI CURA per le persone anziane non autosufficienti che, nel territorio dei Comuni dell’Ambito Territoriale Sociale n.22 Ascoli Piceno (Acquasanta Terme, Ascoli Piceno, Arquata Tr, Folignano, Maltignano, Montegallo, Palmiano, roccafluvione , Venarotta), permangono o rientrano nel proprio contesto di vita e di relazioni, attraverso interventi di supporto assistenziale gestiti direttamente dalle loro famiglie o con l’aiuto di assistenti familiari private in possesso di regolare contratto di lavoro iscritte al registro regionale o comunque formate nelle modalità indicate dalla Regione Marche.

Le domande devono essere presentate entro il 24 febbraio 2012, ed i requisiti per aderire sono i  seguenti:

  • aver compiuto 65 anni;
  • essere invalido al 100% con accompagno;
  • non superare un valore ISEE per redditi 2010 massimo di € 11.000,00 per coloro che vivono soli e € 25.000,00 massimo per il nucleo familiare.

 

pdfBANDO-non-autosufficienti_2012.pdf

pdfDOMANDA-_GIA-BENEFICIARI_non-autosufficienti_2012.pdf

pdfDOMANDA_NUOVE-RICHIESTE-non-autosufficienti_2012.pdf

Dopo il grande successo delle edizioni precedenti, torna “Sposi in Riviera” (quarta edizione) a San Benedetto del Tronto (AP), uno dei  più importanti centri turistici della Riviera Adriatica. Come sempre, questa fiera, sarà incentrata sul mondo del matrimonio.
L’evento consiste in una mostra lungo le vie del centro, arricchita da sfilate di moda “tutto sposi”il sabato e la domenica pomeriggio. Pertanto, abbiamo pensato di offrire alla sua ditta l’opportunità di presenziare a questa importante occasione. La esortiamo a prenotare quanto prima il suo spazio espositivo, per assicurarsi di esserci.

Perche DEVI ASSOLUTAMENTE esserci alla Fiera “Sposi in Riviera”?
- Si farà nella bellissima cornice di San Benedetto, a due passi dal mare;
- Ogni anno c’è un fortissimo afflusso di persone interessate e quindi un abbondanza di possibili Acquirenti (spesso sono interessati ai prodotti anche se non devono sposarsi);
- Le aziende saranno selezionate in modo da avere più prestigio;
“Sposi in Riviera” si terrà nella bellissima città di San Benedetto del Tronto (AP), il 24 e 25 marzo 2012.

pdfSposi_in_Riviera_2012.pdf

Il 20 ottobre 2011 l’INAIL ha rilasciato il nuovo modello OT/24 che permette alle aziende con due anni di attività e di regolare versamento del premio di poter presentare domanda di riduzione del tasso INAIL.
A differenza degli anni passati, nei quali la percentuale di abbattimento del tasso era pari ad un 10% del premio, quest’anno, a seguito di modifiche normative intervenute con DM 3 dicembre 2010, le percentuali di riduzione del premio sono molto cospicue.
La percentuale di riduzione si compone di una parte fissa ( riconosciuta dall’Inail alle aziende in regola con il pagamento del premio e senza presenza di infortuni negli ultimi 2 anni) e di una parte variabile (direttamente proporzionale al numero dei dipendenti in forza).

tabella

Altri dettagli nell'allegato.

 

La Confartigianato Imprese di Ascoli Piceno e Fermo invita, tutte le aziende interessate ad ulteriori informazioni, a contattare i funzionari dell’Ufficio Ambiente e Sicurezza ai numeri:

Ascoli Piceno, 0736/336402

 

Fermo, 0734/221653
San Benedetto del Tronto, 0735/81195
 

L’articolo 13 del decreto legge n. 201 del 6/12/2011, convertito in legge 214 del 22 dicembre 2011 (pubbl. S.O. n. 276 alla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 27 dicembre 2011), ha anticipato al 2012, in via sperimentale fino al 2014, l’imposta municipale propria (IMU), istituita e disciplinata dal decreto legislativo n. 23 del 14 marzo 2011, in materia di federalismo municipale.
Il nuovo tributo “sperimentale” ha un campo di applicazione più ampio sia rispetto all’IMU a regime, sia rispetto all’ICI (a titolo esemplificativo: il nuovo tributo colpisce anche l’abitazione principale e pertinenze, i fabbricati rurali, ha propri moltiplicatori per la determinazione della base imponibile).
Tutti i dettagli sono nella circolare allegata.
 

La Camera di Commercio di Ascoli Piceno comunica che si comunica che la Regione Marche, servizio Agricoltura, ha semplificato gli adempimenti a carico dei produttori di vini DOC e IGT, rispetto a quanto precedentemente divulgato daqlla stessa Camera.

Di conseguenza, la rivendicazione delle uve destinate alla produzione di vini DOC e IGT, non deve essere più presentata alla Camera di Commercio in forma cartacea, ma deve essere allegata alla dichiarazione di vendemmia e/o di produzione, mediante i servizi telematici resi disponibili in ambito SIAN, sulla base dei dati dello schedario viticolo.

Ulteriori informazioni potranno essere acquisite presso l’Assessorato all’ Agricoltura della Regione Marche (www.agri.marche.it). 

Qui sotto la precedente comunicazione:

Il 16 gennaio 2012 è il termine entro il quale i conduttori che intendono rivendicare la D.O.C. e I.G.T. dovranno presentare la denuncia annuale delle uve per la campagna vitivinicola 2011.

Tale termine è stato stabilito dal regolamento CEE 2009/436 della Commissione del 26 maggio 2009.
La rivendicazione delle uve destinate alla produzione dei vini DOC e IGT, va presentata direttamente alla Camera di Commercio nel cui ambito territoriale ricade la superficie vitata, utilizzando la sola modulistica prevista dal Decreto Ministeriale 28 dicembre 2006 (Allegato 1).
Relativamente alle denunce delle uve D.O.C., la ricevuta potrà essere emessa solo previo rilascio del parere positivo di conformità, previsto dai Decreti del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, da parte dell’Organismo di Controllo.
La denuncia delle uve DOCG/DOC/IGT comporta il pagamento di un diritto di segreteria di € 5,00 per ogni ricevuta richiesta.

La procedura rimane invariata anche per il 2012 tenuto conto che il Decreto Mille Proroghe ha confermato per l’anno in corso la percentuale dell’80% per i lavoratori; lo stesso decreto ha prorogato per il 2012 anche la possibilità per gli apprendisti di rientrare nella disoccupazione, fermo restando, però, il requisito della qualifica alla data del novembre 2008.

Anche per l’anno 2012 è stato rinnovato l’accordo sulla detassazione, come avvenuto analogamente per gli anni 2009, 2010 e 2011.

pdfACCORDO-DETASSAZIONE-2012.pdf