Logo 2-2 DX

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 39 0736.336402
  • 39 0734.229248

Base TRASPORTI

La Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea ha pubblicato il Regolamento UE numero 403 del 18 marzo 2016 che collega le infrazioni gravi commesse dalle imprese di autotrasporto al requisito dell'onorabilità. Il nuovo Regolamento entrerà in vigore nel 2017 e contiene l'elenco delle infrazioni gravi al Codice della Strada o alla normativa sull'autotrasporto che possono causare la perdita del requisito dell'onorabilità, elemento fondamentale per esercitare l'attività di autotrasportatore c/t.. Le infrazioni considerate riguardano l'autista, il veicolo e le modalità con cui viene esercitato il trasporto stradale.

Per quanto riguarda l'autista, il Regolamento considera gravi le infrazioni relative ai tempi di guida e di riposo, all'uso o alla manomissione del cronotachigrafo, al rispetto del tempo di lavoro, alla formazione iniziale o periodica (CQC) e alla patente.  Le infrazioni connesse al veicolo che possono causare la perdita dell'onorabilità riguardano il rispetto dei pesi e delle dimensioni, la revisione e la manomissione del limitatore di velocità. Per quanto riguarda le modalità del trasporto, il Regolamento considera le autorizzazioni al trasporto internazionale, il trasporto di merci pericolose e quello di animali.

Ogni infrazione è catalogata secondo un sistema di gravità crescente, da grave (IG) a molto grave (IMG) a più grave (IPG). Un'infrazione IPG può causare l'avvio della procedura per la perdita dell'onorabilità.

Tre infrazioni IG compiute da un autista nello stesso anno contribuiscono a creare un'infrazione IMG, e quando un autista nello stesso anno accumula tre infrazioni IMG può iniziare la procedura per la perdita dell'onorabilità. Bisogna considerare che il numero d'infrazioni per conducente l'anno è un valore medio per azienda (e non si riferisce a una specifica persona) che si calcola dividendo il numero totale delle infrazioni che hanno lo stesso livello di gravità per il numero medio di conducenti occupati dall'azienda nell'anno.