Logo 2-2 DX

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 39 0736.336402
  • 39 0734.229248

La Confartigianato di Ascoli Piceno e Fermo, in seguito al gravissimo sisma che nella notte del 24 agosto ha colpito il territorio di Arquata del Tronto e zone circostanti (Lazio, Abruzzo, Umbria), si è attivata già dalla mattina dello stesso giorno per fornire:

Questi i nostri numeri: ufficio di Ascoli Piceno +39 0736336402 - mobile (anche Whatsapp) +39 3294497732 whatsapp

 

La Legge Regionale n. 25/2017 è stata approvata il 2 agosto u.s. e stabilisce “ le diposizioni urgenti per la semplificazione e l’accelerazione degli interventi di ricostruzione conseguenti agli eventi sismici del 2016 “.
Dopo una prima lettura, si riporta una breve disamina delle norme introdotte da questa legge e finalizzate a semplificare il processo di ricostruzione, d'interesse, quindi, del comparto "Edilizia":

  • Articolo 1 - individua l’ambito di applicazione della legge per gli interventi di riparazione o ricostruzione degli immobili danneggiati o distrutti dal sisma ubicati nel territorio dei Comuni della Regione indicati nell’art. 1 del DL 189/2016 e sono fatte salve comunque le eventuali norme dello Stato più favorevoli.
  • Articolo 2 - definisce un procedimento semplificato per l’approvazione delle varianti ai Piani Regolatori dei Comuni utilizzando, in particolare, l’Istituto della conferenza dei servizi decisoria.
  • Articolo 3 - individua le modalità di attuazione delle norme del testo Unico dell’Edilizia (DPR 380/2001) nel caso di opere realizzate prima degli eventi sismici in parziale difformità dal titolo abitativo.
  • Articolo 4 - contiene deroghe ad alcune distanze minime previste dalla LR 8/1990 n. 13 (norme edilizia per il territorio agricolo) ove strettamente necessarie nel caso di delocalizzazioni di immobili preesistenti.
  • Articolo 5 - prevede la possibilità di utilizzare il procedimento semplificato di avariante urbanistica di cui all’art. 2 per la realizzazione di aree di sosta disciplinate dall’art. 35 della LR 11 luglio 2006 n. 9 (TU delle norme regionali in materia di turismo), qualora finalizzate all’alloggio temporaneo dei proprietari di abitazioni danneggiate, aventi residenza fuori dai Comuni del Sisma.

La materia è sostanzialmente tecnica, con riferimento anche all’art. 11 del DL 189/2016 convertito con modificazioni dalla Legge 229/2016, il ruolo dei Comuni resta importante per la pianificazione urbanistica, connessa non solo ai centri storici ma anche all’intero nucleo urbano e rurale.

pdfL.R. 25/2017.pdf