Logo 2-2 DX

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 39 0736.336402
  • 39 0734.229248

La Confartigianato di Ascoli Piceno e Fermo, in seguito al gravissimo sisma che nella notte del 24 agosto ha colpito il territorio di Arquata del Tronto e zone circostanti (Lazio, Abruzzo, Umbria), si è attivata già dalla mattina dello stesso giorno per fornire:

Questi i nostri numeri: ufficio di Ascoli Piceno +39 0736336402 - mobile (anche Whatsapp) +39 3294497732 whatsapp

 

Ad un anno dal sisma che ha sconvolto il Centro Italia, è ancora lontano il ritorno alla normalità per i piccoli imprenditori dei 140 Comuni colpiti nelle Marche, Lazio, Abruzzo, Umbria. Il terremoto – segnala Confartigianato – ha colpito l’attività di 15.841 imprese artigiane con 38.991 addetti, che rappresentano il 25 per cento del totale delle aziende operanti nei territori del Cratere. Il 37,6% delle imprese artigiane nei territori interessati dagli eventi sismici opera nel settore delle costruzioni, il 24,8% nei servizi alle persone, il 24,4% nel manifatturiero e l’11,3% nei servizi alle imprese.
Gli effetti del terremoto sull’economia sono rilevanti soprattutto nelle Marche e in Umbria, regioni che negli ultimi 4 trimestri presentano la peggiore tendenza dell’occupazione, con cali rispettivamente dello 0,7% e dell’1,5%, a fronte di un +1,4% della media nazionale.

Confartigianato, pur apprezzando gli interventi messi in atto dal Governo, segnala le criticità che rallentano la ricostruzione e la ripresa delle attività economiche: troppe norme e troppo complesse, eccessiva frammentazione delle competenze tra gli Enti e le istituzioni coinvolti nella ricostruzione, eccesso di rigidità nella gestione degli appalti.
Per far ripartire l’attività delle imprese colpite dal terremoto Confartigianato chiede di ridurre la burocrazia e di rafforzare il coordinamento tra le istituzioni e le Associazioni imprenditoriali. A questo proposito, Confartigianato Marche ha sollecitato alla Regione il coinvolgimento di imprese locali specializzate per affiancare il Genio Civile nell’opera di rimozione e smaltimento delle macerie.

Di seguito riportiamo il rapporto del Centro Studi Confartigianato su "Artigianato, turismo e prodotti agroalimentari di qualità nei 131 comuni colpiti dagli eventi sismici di agosto e ottobre 2016":