Logo 2-2 DX

  • 39 0736.336402
  • 39 0734.229248

Il 28 dicembre è stata firmata una circolare che fornisce indicazioni sulla prosecuzione dei sopralluoghi di agibilità coordinati dalla Dicomac, in base all’ordinanza n. 422/2016, entrata in vigore a far data dal 27 dicembre 2016.
Quest’ultima fornisce indicazioni per velocizzare la gestione dei sopralluoghi sugli edifici e avviare la ricostruzione in relazione alla riparazione dei danni lievi e prevede che, in caso di esito della scheda FAST di “inutilizzabilità”, i cittadini devono incaricare un tecnico di fiducia che provvede a compilare la scheda Aedes dell’edificio, corredata di perizia giurata e relazione sul nesso di casualità “danno-evento”. Di fatto, quindi il sopralluogo con scheda FAST costituisce un presupposto indispensabile per l’accesso alla procedura Aedes.
La circolare fissa la scadenza del 16 gennaio 2017 quale termine inderogabile per presentare le richieste di verifica agibilità degli edifici. Tale termine non riguarda gli edifici ricadenti nelle “zone rosse” ufficialmente delimitate con ordinanza del Sindaco.

Evidenziamo, inoltre che con il recente Decreto “Mille Proroghe” è stato prorogato al 31 dicembre 2017 il termine di sospensione dei pagamenti delle rate di mutui e di altri finanziamenti. Tale proroga è applicabile “limitatamente alle attività economiche e produttive, nonché per i soggetti privati per i mutui relativi alla prima casa di abitazione, inagibile o distrutta”.
Tale disposizione di legge è importante perché, oltre a costituire un vantaggio concreto per cittadini ed imprese, consente alle banche di mantenere la sospensione delle rate di mutuo nei territori del sisma ex lege, evitando la segnalazione alla centrale rischi del cliente, con le conseguenti ricadute negative dal punto di vista del suo merito creditizio e quindi della capacità di accesso al credito per un periodo anche di due/tre anni.

Sul tema specifico della sospensione dei pagamenti delle rate di mutui, non essendo ben chiaro se tale proroga verrà applicata dalle banche in automatico, siamo in attesa di avere un chiarimento da ABI Marche in merito all’applicazione operativa dell’art. 48 c. 1, lettera g del dl 189/2016 convertito in legge 229/2016, prorogato al 31/12/2017 dal sopra richiamato decreto “Mille Proroghe”.

Ricordiamo che all’indomani dell’ordinanza n. 388/2016 del capo dipartimento della protezione civile del 26 agosto 2016, le banche si attivarono da subito con interventi specifici e procedure differenziate, alcune sospendendo in automatico le rate, altre facendolo solo in base ad una richiesta specifica del cliente.

pdfcircolare_DICOMAC_281216_post_422.pdf

pdfOCDPC_422_16_sisma_centro_italia.pdf

Canale Youtube

Seguici sul nostro canale Youtube

YT