Logo 2-2 DX

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 39 0736.336402
  • 39 0734.229248

sanzioni

  • SISTRI - DIFFERIMENTO DI OPERATIVITA' E DI SANZIONI (MA QUESTE ULTIME IN DUE TEMPI)

    Si informa che l'articolo 9, comma 3, del decreto legge n. 192/2014, "Mille-proroghe", emanato dal Governo alla fine del mese di Dicembre 2014 (Gazzetta Ufficiale n. 302 del 31/12/2014) ha formalmente differito l'operatività del Sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI, che sarebbe dovuto entrare in vigore il 1° gennaio scorso, al 1° gennaio 2016.
    Tale proroga, fortemente voluta dalla Confederazione, è stata accompagnata, inoltre, dal differimento dell'apparato sanzionatorio che è tuttavia avvenuta, in via del tutto anomala, in due tempi.

    In sostanza, le sanzioni concernenti la mancata iscrizione ed il mancato pagamento del contributo annuale per i soggetti tenuti secondo la vigente normativa ad usare il SISTRI (vedere articolo 260-bis, commi 1 e 2, del TUA) entreranno in vigore il prossimo 1° febbraio 2015.

    Read more
  • SPLIT PAYMENT: NO ALLE SANZIONI PER VIOLAZIONI IN BUONA FEDE FINORA COMMESSE

    Al fine di agevolare l’applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti (c.d. split payment) introdotto legge di stabilità 2015 (art. 1, comma 629, lettera b), l'Agenzia delle Entrate ha fornito i primi chiarimenti interpretativi circa l’individuazione dell’ambito applicativo.

    In sostanza, l’IVA addebitata dal fornitore nelle relative fatture dovrà essere versata dall’amministrazione acquirente direttamente all’erario, anziché allo stesso fornitore, scindendo quindi il pagamento del corrispettivo dal pagamento della relativa imposta.
    La scissione dei pagamenti riguarda le operazioni documentate mediante fattura emessa dai fornitori, ai sensi dell’art. 21 del DPR n. 633 del 1972.
    Devono, pertanto, ritenersi escluse dal predetto meccanismo le operazioni (ad es. piccole spese dell’ente pubblico) certificate dal fornitore mediante il rilascio della ricevuta fiscale di cui all’art. 8 della legge 10 maggio 1976, n. 249, o dello scontrino fiscale di cui alla legge 26 gennaio 1983, n. 18, e successive modificazioni (cfr. art. 12, comma 1, della L. n. 413 del 1991) ovvero non fiscale per i soggetti che si avvalgono della trasmissione telematica dei corrispettivi sensi dell’art. 1, commi 429 e ss. della legge 30 dicembre 2004, n. 311, ovvero altre modalità semplificate di certificazione specificatamente previste.

    Read more