Da oggi (01° aprile 2015) la provenienza della carne fresca di maiale, agnello, capretto e volatili non sarà più anonima, grazie all’entrata in vigore anche in Italia del nuovo Regolamento che impone l’indicazione del paese di origine o del luogo di provenienza delle carni fresche, refrigerate o congelate di animali della specie suina, ovina, caprina e di volatili.
Prende avvio così l'etichettatura d'origine delle carni fresche. Il 17 dicembre 2013, infatti, la comunità europea ha adottato una norma d'attuazione del regolamento 1169/2011 che fissa le regole per l'indicazione del paese o luogo di provenienza delle carni fresche, refrigerate e congelate di suino, ovi-caprino e di pollame. Si è così completato un percorso iniziato circa 15 anni fa con l’obbligo di etichettatura di origine per la carne bovina fresca, introdotto sotto la spinta dell’emergenza “Bse” con il regolamento Ce 1760/2000 che impose l’obbligo di indicare anche il luogo di nascita, oltre a quello di allevamento e macellazione.

Read more