CONFARTIGIANATO: VALE 3,6 MILIARDI DI EURO L’EXPORT MARCHIGIANO CHE PASSA PER LA DIRETTRICE AUSTRIACA

Una via commerciale a rischio per le politiche restrittive di controllo dei confini dell’Austria, con ripercussioni importanti per la competitività delle nostre imprese

Oltre 3 miliardi il valore delle merci che, in partenza dalle Marche, svalicano il Brennero. Prodotti che rischiano di viaggiare a passo di lumaca con ripercussioni importanti per la competitività delle imprese e della nostra economia se l’Austria porterà avanti fino in fondo la sua politica restrittiva di controllo dei confini. Confartigianato evidenzia rischi crescenti per le attività economiche connesse con il ripristino dei confini e dei controlli doganali che determinerebbe un impatto – con risvolti sociali ed economici – di ampia portata. Il rallentamento del trasporto di merci nelle aree di confine e l’incremento dei costi per il sistema manifatturiero e dei trasporti causerebbe una perdita di competitività alle imprese in una fase di ripresa ancora fragile ed accentuerebbe gli effetti negativi del rallentamento in corso del commercio internazionale. Secondo i dati dell’Ufficio Studi della Confartigianato nel 2015 le esportazioni manifatturiere delle Marche nei Paesi interessati dalla direttrice del Brennero ammontano a 3,6 miliardi, il 30% di tutte le nostre esportazioni manifatturiere e il 9,2% del Pil. Nel dettaglio dei paesi, circa la metà (46,7%) è destinata al Belgio.

Read more