Logo 2-2 DX

  • 39 0736.336402
  • 39 0734.229248

Confartigianato Imprese Ascoli Piceno e Fermo

  • AVVIATA PETIZIONE ANCE-ANAEPA PER DIRE "NO ALLO SPLIT PAYMENT"

    Tutte le Organizzazioni imprenditoriali del comparto delle costruzioni, tra cui ANAEPA Confartigianato Edilizia, hanno promosso una petizione (coordinata dall’ANCE), come segno tangibile della protesta forte e unitaria dell’intero settore finalizzata a portare all’attenzione di Governo e Parlamento gli effetti dello split payment (scissione dei pagamenti) e del reverse charge (inversione contabile), meccanismi che, dal 1° gennaio, impongono una procedura burocratica onerosa per il rimborso dei crediti IVA che legittimamente spettano alle imprese. Con l’introduzione dello split payment inserito nella legge di stabilità 2015, infatti, l’impresa continuerà a pagare l’IVA ai propri fornitori, ma senza incassarla, in quanto versata direttamente all’erario dal committente pubblico, determinando così per l’azienda una minore liquidità.
    Vi invitiamo a sottoscrivere la petizione a sostegno dell’iniziativa finalizzata ad evitare che lo split payment faccia chiudere migliaia di imprese.

    Read more
  • DALLA MANOVRA CORRETTIVA 2017, INTERVENTI SU RICOSTRUZIONE POST SISMA E MISURE TRIBUTARIE, SCHEDA DI LETTURA DELLE DISPOSIZIONI PIÙ IMPORTANTI

    Le novità di carattere fiscale introdotte daL decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50

    Il decreto legge 24 aprile 2017, n. 50, pubblicato nel S.O. n. 20/L alla Gazzetta Ufficiale del 24 aprile 2017, n.95, contiene “disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo”.

    Si segnalano di seguito le disposizioni più importanti contenute nel decreto-legge n. 50/2017 relativamente agli interventi in materia di sisma 2016:

    Read more
  • SPLIT PAYMENT: NO ALLE SANZIONI PER VIOLAZIONI IN BUONA FEDE FINORA COMMESSE

    Al fine di agevolare l’applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti (c.d. split payment) introdotto legge di stabilità 2015 (art. 1, comma 629, lettera b), l'Agenzia delle Entrate ha fornito i primi chiarimenti interpretativi circa l’individuazione dell’ambito applicativo.

    In sostanza, l’IVA addebitata dal fornitore nelle relative fatture dovrà essere versata dall’amministrazione acquirente direttamente all’erario, anziché allo stesso fornitore, scindendo quindi il pagamento del corrispettivo dal pagamento della relativa imposta.
    La scissione dei pagamenti riguarda le operazioni documentate mediante fattura emessa dai fornitori, ai sensi dell’art. 21 del DPR n. 633 del 1972.
    Devono, pertanto, ritenersi escluse dal predetto meccanismo le operazioni (ad es. piccole spese dell’ente pubblico) certificate dal fornitore mediante il rilascio della ricevuta fiscale di cui all’art. 8 della legge 10 maggio 1976, n. 249, o dello scontrino fiscale di cui alla legge 26 gennaio 1983, n. 18, e successive modificazioni (cfr. art. 12, comma 1, della L. n. 413 del 1991) ovvero non fiscale per i soggetti che si avvalgono della trasmissione telematica dei corrispettivi sensi dell’art. 1, commi 429 e ss. della legge 30 dicembre 2004, n. 311, ovvero altre modalità semplificate di certificazione specificatamente previste.

    Read more

Canale Youtube

Seguici sul nostro canale Youtube

YT