Logo 2-2 DX

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 39 0736.336402
  • 39 0734.229248

2015

  • ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI CONFARTIGIANATO IMPRESE AP-FM, GIOVEDì 02 Aprile 2015

    Prot. n. CPI/075

    ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI CONFARTIGIANATO IMPRESE AP-FM
    presso la sede sita in Viale Trento, 36 – 63900 FERMO

    PRIMA CONVOCAZIONE
    Giovedì 02 aprile 2015 ore 16,00

    SECONDA CONVOCAZIONE
    GIOVEDI’ 02 APRILE 2015 ORE 18,00

    ORDINE DEL GIORNO

    Read more
  • ASSEMBLEA STRAORDINARIA E ORDINARIA DEI SOCI CONFARTIGIANATO IMPRESE AP-FM, VENERDì 29 Maggio 2015

    Prot. n. CPI/118

    CONVOCAZIONE ASSEMBLEA STRAORDINARIA E ORDINARIA DEI SOCI CONFARTIGIANATO IMPRESE AP-FM
    presso la sala conferenze del ristorante “La Corte del Sole”, viale dei Mutilati del Lavoro, 63100 Ascoli Piceno (AP)

    PRIMA CONVOCAZIONE
    Venerdì 29 maggio 2015 ore 14,00

    SECONDA CONVOCAZIONE
    VENERDI’ 29 MAGGIO 2015 ORE 16,30

    ALLA PRESENZA DEL NOTAIO

    Parte straordinaria

    ORDINE DEL GIORNO

    Read more
  • CONVENZIONE ANCOS - SIAE, RINNOVO 2015

    E' stata rinnovata anche per l’anno 2015 lla Convenzione tra l’ANCoS Nazionale e la SIAE (Società Italiana Autori ed Editori).
    L’accordo che alleghiamo alla presente prevede particolari agevolazioni di trattamento in materia di Diritto d’Autore, per l’utilizzo di un repertorio amministrato dalla Sezione Musica della SIAE in occasione di attività di spettacolo, culturali e ricreative svolte nell’ambito degli scopi statutari delle singole strutture associative ANCoS.
    Sono altresì indicate le condizioni generali, connesse con l’utilizzo del suddetto repertorio, che disciplinano i rapporti tra i circoli e gli uffici periferici SIAE. Il trattamento tariffario riservato ai singoli circoli dipende dal numero degli iscritti.
    I circoli aderenti all’ANCoS che intendono usufruire del trattamento previsto dell’allegato Accordo quadro devono annualmente presentare all’ufficio periferico SIAE competente per territorio il certificato di appartenenza rilasciato dall’ANCoS.

    pdfCompensi SIAE 2015.pdf

    Read more
  • DIRETTIVE E CALENDARIO PER LE LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE STRADALE FUORI DAI CENTRI ABITATI PER L'ANNO 2015

    Confartigianato Trasporti rende noto che sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti è stato pubblicato il Decreto Prot. n. 533 "Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l'anno 2015”
    Si fa presente che tale decreto sarà presto pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

    pdfMinistero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Decreto_533 - Anno 2015.pdf

    Read more
  • FESTIVITA' NATALIZIE 2014: CHIUSURA UFFICI

    Si avvertono gli associati che gli uffici della Confartigianato AP-FM saranno CHIUSI i giorni:

    • 24 e 31 Dicembre 2014
    • 29 Dicembre chiusura dell'ufficio di Fermo
    • 2 e 5 Gennaio 2015 

    Riapertura mercoledì 7 gennaio 2015.

    Read more
  • LA LEGGE DI STABILITA’ PER IL 2015

    La legge di stabilità per il 2015 (legge n. 190 del 23 dicembre 2014, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 99 alla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 dicembre 2014), composta di un articolo unico, contiene numerose novità in materia fiscale relative ad argomenti e fattispecie differenziati, di maggiore o minore rilievo per il mondo imprenditoriale.

    Nello schema allegato, si fornisce un quadro riepilogativo di tutte le novità di natura tributaria, per poter orientarsi con maggiore facilità nei 735 commi di cui si compone l’articolo unico.

    pdfLegge Stabilità 2015: schema delle novità.pdf

    Read more
  • LEGGE DI STABILITÀ 2015 - ULTERIORI DISPOSIZIONI RIGUARDANTI LE IMPRESE

    Si riportano le altre novità inerenti l'autotrasporto inserite nella legge di stabilità per il corrente anno:

    • SGRAVI CONTRIBUTIVI PER LE NUOVE ASSUNZIONI - Con il fine di promuovere forme di occupazione stabile, l’art. 1, commi da 118 a 124, prevede uno sgravio triennale dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro privati per le nuove assunzioni a tempo indeterminato – con esclusione dell’apprendistato – effettuate nel 2015. Le norme prevedono che i datori di lavoro siano esentati, per massimo 36 mesi, dal versamento dei contributi previdenziali nel limite massimo di un importo di esonero pari a 8.060 euro su base annua. Lo sgravio non si applica ai premi e contributi Inail, che sono dovuti in misura ordinaria. La misura non inciderà in alcun modo sul calcolo delle pensioni dei lavoratori interessati, in quanto il periodo decontribuito sarà interamente coperto dallo Stato tramite contributi figurativi. Lo sgravio si riferisce solo ai contributi a carico dei datori di lavoro e pertanto i contributi a carico dei lavoratori saranno interamente dovuti. Sono escluse dallo sgravio le assunzioni di lavoratori che abbiano intrattenuto rapporti a tempo indeterminato nei 6 mesi precedenti con qualsiasi datore di lavoro, nonché quelle riferite a lavoratori già in forza a tempo indeterminato presso la stessa azienda o società dello stesso gruppo nel periodo ottobre-dicembre 2014.
    Read more
  • LEGGE DI STABILITA' 2015, CONSIDERAZIONI DI CARATTERE SOCIALE

    L'ANAP, dopo l’approvazione in via definitiva da parte del Parlamento della Legge di Stabilità 2015 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre 2014), fa il punto sulle novità più rilevanti introdotte in campo sociale alla luce degli emendamenti approvati rispetto al disegno di legge originario.

    Permanendo sostanzialmente il medesimo impianto rispetto al testo presentato dal Governo nel mese di settembre, restano immutate le osservazioni riguardo alle singole misure e il giudizio complessivo sul provvedimento, fortemente influenzato negativamente dall’esclusione dei pensionati dal beneficio degli 80 euro mensili erogati ai lavoratori dipendenti con reddito al di sotto di 24.000 euro.

    La manovra approvata ammonta, per il 2015, a circa 34 miliardi di euro, di cui 21,3 miliardi sono minori entrate e 12,7 miliardi maggiori spese. Essa è finanziata con maggiori entrate per 11,6 miliardi, deficit aggiuntivo per 5,8 miliardi, dovuto allo spostamento al 2017 del pareggio di bilancio, due anni dopo la data originariamente stabilita dagli accordi europei, e tagli di spesa per 16,6 miliardi, di cui 8,1 miliardi sono a carico di Comuni, Province e Regioni.

    Il contributo maggiore è quello a carico delle Regioni (4 miliardi), sulle quali gravano peraltro anche gli impegni per il Patto della salute. E – come già messo in evidenza nelle precedenti comunicazioni - è proprio questo un altro punto che suscita perplessità, in considerazione del fatto che il 70 per cento della spesa delle Regioni va in sanità.

    Read more